domenica 17 marzo 2013

CREMA CORPO ILLUMINANTE....FAI DA TE!

Oggi voglio proporvi un'idea che è nata da una collaborazione con Stefania di Il Mondo Delle Donne. Uno dei blog che seguo con più interesse,  frequentemente aggiornato con tante recensioni interessanti ed una sezione interamente dedicata alla richiesta di campioni e prodotti cosmetici omaggio. Seguitela anche sulla sua pagina Facebook! Mi ha proposto di realizzare questo articolo e ne ha scritto uno sullo stesso argomento, leggeteli entrambi e fateci sapere le vostre impressioni!

Tornando all'argomento del post, la cosmesi fai da te ha iniziato a coinvolgermi da quando ho provato a capire qualcosa sugli INCI ed in generale sui prodotti che uso. Ci sono tantisimi forum, canali Youtube, blog e siti dedicati all'argomento, che affrontano al questione con diversi approcci.

Mi piacerebbe tanto potermi creare creme e shampoo "su misura" ma ci sono sere in cui per me è tanto se ho il tempo (e la forza) di stendermi un velo di idratante dopo la doccia, quindi devo per forza trovare un compromesso tra la passione e la dura realtà.
In questo senso mi piace partire da prodotti "pronti" e personalizzarli sulla base delle mie esigenze, in maniera veloce, pratica ed anche divertente.

Una crema illuminante è quello che ci vuole all'arrivo della primavera, quando ci si comincia a scoprire e si desidera avere un aspetto luminoso e splendente. E' molto semplice da realizzare in casa partendo da pochi semplici ingredienti:
- una crema corpo idratante
- un olio
- un pigmento

  • Come ho fatto?
Innanzitutto un consiglio per la preparazione: i prodotti in commercio contengono conservanti e non dovrebbero dare problemi, però quando li utilizzo come ingredienti sono molto attenta all'igiene, in modo da non avere problemi sul prodotto finito. Prima di inziare scelgo gli strumenti che utilizzerò (contenitori, cucchiai e quant'altro), li immergo in acqua bollente per qualche minuto, li asciugo con un panno perfettamente pulito ed infine li spruzzo con alcool buongusto, lasciandoli asciugare perfettamente. Solo a questo punto procedo con la preparazione.

  • Cosa ho utilizzato?
Il bello è che ciascuna puùò partire dai suoi prodotti preferiti. Io ho scelto come base la Crema Corpo Idratatnte Protettiva di ViviVerde Coop (di cui vi avevo parlato qui), che ha un ottimo rapporto qualità prezzo e a cui sono rimasta fedele da diversi mesi dopo aver avuto la possibilità di testarla. Ne ho prelevato circa 50ml (a occhio!), li ho messi in un contenitore di metallo e ho aggiunto un cucchiaino di olio di mandorle dolci I Provenzali (che ho recensito qui). Poi ho mescolato accuratamente mettendo a bagnomaria. Ho lasciato raffreddare e intanto su un foglio di alluminio ho preparato un cucchiaino (raso) di Mica Brillant di Aroma-Zone (l'ultima a destra)


pestandola accuratamente con un cucchiaino per renderla il più omogenea possibile. Infine l'ho aggiunta alla crema mescolando a lungo, e ho travasato la crema in un vasetto con coperchio.

  • Cosa ho ottenuto?
Una crema dalla consistenza più "ricca" di quella di partenza, che dona alla pelle una discreta ma evidente luminosità ed un effetto setoso davvero piacevole.

Questo è l'effetto, che ne dite?


  • Variazioni sul tema
Naturalmente questa è un'idea di base, che si può adattare e personalizzare quanto si desidera.
La prima nota è che non è necessario miscelare la crema con un olio, si può utilizzare così com'è; ma in questo modo si arricchisce la crema e si ottiene un effetto più "lucido". Naturlamente meglio evitare nel caso si abbia la pelle particolarmente grassa.
Oppure si può sostituire all'olio base un oleolita adatto, ad esempio quello di lavanda-camomilla-calendula è lenitivo ed adattissimo per un doposole lenitivo illuminante!
Come quantità, consiglio di preparare poca crema e poi provare la volta successiva qualche variazione: anche la quantità di pigmento è soggettiva, man mano che ne aggiungete provate l'effetto sulla pelle e decidete se aggiungerne ancora.
Per quanto riguarda il pigmento, potete usare qualsiasi cosa abbiate: un ombretto, un illuminante, una mica, ma il mio consiglio è di partire da un prodotto in polvere. Se preferite partire da quelli compatti dovete raschiare molto finemente con una lametta e stare attente a pestare molto bene per evitare che restino grumi.
Rispetto al colore: quello che ho scelto è  molto discreto ed adatto ad ogni occasione, ma nulla proibisce di utilizzarne altri o di mescolarne diversi. Bronzo ed oro sulla pelle abbronzata o comunque nel periodo estivo, paillettes fini per una serata "sberluccicante" e (soprattutto) per chi se le può permettere: alla soglia degli anta le trovo assolutamente fuori luogo. Ecco qualche altro prodotto tra quelli che possiedo utilizzabile al posto delle miche di AZ:

le miche di Gisella Manske:


 




un ombretto minerale di elf:


 




 blush o eyshadow minerali (questo sono di Buff'D):

Infine, se utilizzate le miche pure, potete anche aggiungerle al vostro solare preferito: aumentano (sia pur in misura blanda) il fattore di protezione in quanto fungono da filtro fisico (più o meno funzionano da "specchio"), e donano una luministà incredibile alla luce solare. Attenzione invece in questo caso ad usare prodotti di cui non conoscete gli ingredienti, in quanto potrebbero esserci elementi non adatti. Ad esempio, alcuni olii essenziali sono fotosensibilizzanti.

Bene, alla fine di questo lungo post fatemi sapere la vostra: vi dilettate con il fai da te? vi ho fatto venire la tentazione o ve ne ho definitivamente dissuase? come trovate la mia idea rispetto a quella di Stefania?
Sono curiosa ed aspetto i vostri commenti!


10 commenti:

  1. bello bello bello, mi e' piaciuto tantissimo...
    ne e' uscita una bella crema scintillante..brava ancora e sopratutto ci risentiamo per una prossima collaborazione...bravissima elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. garzie anche la tua è bellissima! davvero complimenti (te li ho gia messi di là) e grazie della proprosta!

      Elimina
  2. Quanto dura una crema fatta in casa? Che scadenza ha? Interessante.....
    http://smillamakeup.jimdo.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in questo caso partendo da prodotti "finiti", se rispetti perfettamente le norme igineiche basta che prendi il più ristretto tra i PAO. invece se crei una crema dall'inizio (fase grassa- fase acquosa- emulsionante) un mese max 2

      Elimina
  3. idea interessantissima... grazie del suggerimento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se hai modo di provare fammi sapere!

      Elimina
  4. in estate mi diverto a fare l'olio colorato, usando olio di mandorla e pigmento. Ma l'idea dell'illuminante mi piace! proverò a farlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io d'estate preferisco utilizzare un olio, magari aggiungo anche un po' di monoi che da un profumo meravigliosamente "estivo"

      Elimina
  5. Anch'io ultimamente guardo l'INCI delle creme ma non ne so molto e questa è fantastica idea! generalmente uso un pigmento perlescente per il decolletè dopo aver messo la crema, giusto per illuminare la zona ma creando la "crema-su-misura" è tutta un'altra cosa. Solo una cosa mi lascia perplessa nella mia incompetenza in materia: se l'uso di un contenitore di metallo non ossidi la crema ma, ripeto, sono inesperta in materia di preparazione crema fai-da-te. Grazie per il bel post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te dei complimenti, non mi sembri per niente incompetente! per le preparazioni uso contenitori in metallo perchè sono semplici da disinfettare e pulire, naturalmente è inox e la crema ci rimane giusto il tempo della preparazione, poi la travaso in un vasetto in plastica o in vetro!

      Elimina

Sarò felice di leggere i tuoi commenti ed impressioni. Se hai un blog lasciami l'indirizzo, ricambio tutte le visite